SIMEST – Finanziamenti per inserimento sui mercati esteri

logo_simest

bando aperto Finanziamenti agevolati per programmi di inserimento sui mercati esteri – L. 133/2008, art. 6
TIPOLOGIA: SPORTELLO
finalità OGGETTO
L’iniziativa è volta a finanziare programmi con caratteristiche di investimento, realizzati da imprese con sede legale in Italia e finalizzati al lancio ed alla diffusione di nuovi prodotti e servizi, ovvero all’acquisizione di nuovi mercati per prodotti e servizi già esistenti, attraverso l’apertura di strutture volte ad assicurare in prospettiva la presenza stabile nei mercati di riferimento.Il programma deve essere rivolto a Paesi che non sono membri dell’Unione Europea.Le strutture oggetto del programma possono essere costituite da uffici, show-room, magazzini, punti vendita e un negozio.
Le strutture possono essere gestite dal richiedente direttamente o tramite un soggetto terzo locale, partecipato o meno dallo stesso richiedente. In caso di soggetto terzo non partecipato, il rapporto con il richiedente deve essere documentato da apposito contratto, da cui risultino le attività da svolgere, con la specifica dei costi del personale e degli spazi messi a disposizione.Il programma deve riguardare la diffusione da parte del richiedente di:

  • beni e servizi prodotti in Italia;
  • beni e servizi prodotti in altri Paesi, ma distribuiti con il marchio di imprese italiane.
soggetti ammessi SOGGETTI AMMESSI
Sono ammesse con priorità le iniziative delle PMI, in caso di carenza di risorse del Fondo 394/81, sull’intero territorio nazionale con l’esclusione dei seguenti settori d’attività:

  1. pesca e acquacoltura (Reg. CE 104/2000);
  2. produzione primaria dei prodotti agricoli;
  3. trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli;
  4. attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati Membri;

DURATA

Sono ammissibili all’intervento agevolativo le spese sostenute dal richiedente nel periodo di realizzazione del programma, che decorre dalla data di presentazione della domanda di intervento (protocollo SIMEST) e termina 24 mesi dopo la data della stipula del contratto di finanziamento, ovvero alla data di eventuale anticipata scadenza del periodo di preammortamento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili all’intervento agevolativo riguardano:

  • spese di struttura;
  • spese per azioni promozionali;
  • spese per interventi vari.

Queste ultime, comprendono spese non documentabili con fattura, ammesse nella misura forfettaria del 25% della somma delle spese previste per strutture e azioni promozionali.
Le spese per l’acquisto di immobili sono ammissibili nel limite del 50% del valore dell’immobile.
Eventuali spese per consulenze specialistiche non possono superare il 10% dell’importo totale del programma agevolato, devono riguardare tematiche specifiche afferenti la realizzazione del programma e devono essere documentate da apposito contratto.
Nel periodo di realizzazione del programma, è consentita una compensazione tra gli importi delle singole voci di spesa documentabili fino ad un massimo del 20%, fermo restando l’ammontare totale del programma agevolato.

contributo CONTRIBUTO

L’intervento viene concesso in forma di finanziamento agevolato.L’importo del finanziamento agevolato è deliberato dal Comitato e può coprire fino all’85% dell’importo delle spese approvate. Esso può essere concesso per un importo non superiore a quello consentito dall’applicazione del Regolamento comunitario “de minimis”.

VALUTAZIONE
L’istruttoria delle domande di intervento agevolativo è effettuata dalla SIMEST seguendo l’ordine cronologico di ricezione.
Il Ministero, anche avvalendosi degli uffici ICE о di altri soggetti istituzionali, trasmette alla SIMEST i risultati della propria analisi sulla validità economica, commerciale e promozionale dei progetti proposti e sulla congruità delle spese preventivate in relazione alla tipologia di ciascuna iniziativa, nonché, eventualmente, sulle relative variazioni. Il Ministero fornisce tali risultati entro 2 mesi dalla data di arrivo della domanda di intervento agevolativo.

Le proposte in merito alle domande di intervento agevolativo sono sottoposte al Comitato. Il Comitato può deliberare la concessione dell’intervento agevolativo, anche per tranches, subordinando l’erogazione delle tranches successive alla prima, al superamento di determinate condizioni.
Il Comitato delibera sulla domanda di intervento agevolativo entro 3 mesi dalla data di arrivo della domanda stessa alla SIMEST completa della necessaria documentazione.

TERMINI
procedura a sportello

PROCEDURA
La domanda, corredata della documentazione prevista nel modulo, è presentata alla SIMEST, che la registra in ordine cronologico, secondo la data di arrivo, e comunica al richiedente, entro 10 giorni lavorativi, la data di ricevimento, il numero di posizione ed il nominativo del responsabile del procedimento, fornendo ogni ulteriore informazione prevista dalla normativa vigente per l’avvio del procedimento.

[poppy type=”button” class=”btn-info”]Ha trovato questo articolo di suo interesse e desidera maggiori informazioni?[/poppy]